Pagine

lunedì 18 gennaio 2010

Inkspinster di Deco

Ingrandisci la strip cliccando QUI


Inkspinster © Deco 2oo1-2o1o E' vietata la riproduzione senza il consenso dell'autrice

21 commenti:

  1. Brava Deco! Hai usato alla grande il "pensiero divergente".

    RispondiElimina
  2. Favolosa !!!
    (Come primo commento potevo fare di più, in effetti). Ermetico, ma sincero.

    RispondiElimina
  3. Cavez ne so anche di più ganze! Sei del National Geographic? :)

    RispondiElimina
  4. Ma sei quello Stefano Frassetto che faceva il fico con me a Lucca?

    RispondiElimina
  5. Ganza "la madre d'alta quota"
    in aretino sarebbe
    Toga "la madre d'alta quota"

    RispondiElimina
  6. Su,non diciamo sciocchezze! Il grande Frassetto che conosco io di certo non commenterebbe su questo blog.E' un caso di omonimia!

    RispondiElimina
  7. Quello di Lucca era il sosia. Lo mando in giro alle fiere perchè si becchi le pallottole al posto mio.

    RispondiElimina
  8. Ha ecco!hai un avatar tridimensionale molto affabile.Ce la siamo passata a Lucca. Ma anche il Totaro con cui il tuo sosia ha parlato non ero io. Era mio fratello gemello (fa il dentista)e si diverte ad impersonarmi in occasioni come quelle.Io non avevo voglia di avere a che fare con quelli di Balloons,così ancora una volta mi ha dato una mano.

    RispondiElimina
  9. Uuuuuh, è un vero peccato che non posso mettere sui vari tumblr, facebook e altre amenità simili le tue striscie, secondo me sono fantastiche!

    Ma onore al copyright. Respect.

    PS E' un complimento, non un'intenzione :)

    RispondiElimina
  10. Cosa vedo? Una "i" di troppo nel mio commento? Eh, l'ha lasciata lì lo sherpa... -_- ...

    RispondiElimina
  11. O mio dolce avatar di consorte,

    non sono riuscito a scriverti ieri poiché mi trovavo nella tenuta di Terre Marce a valutare l'acquisto d'un rustico de-li-zio-so d'inizio secolo (2002) tutto costruito in eternit. Pensa: io, tu e il fibrocemento, mentre un sole pallido e slavato tramonta freddo nella cornice delle lande infette e acquitrinose delle Terre Marce.

    Potremo finalmente realizzare il nostro sogno (?) ed aprire quel maneggio per maiali violenti, dove i bambini potranno cavalcare suini isterici e pericolosi. Il pupazzo a forma di te, anche se non è uno di quelli di Cameron che costa seicentocinquantamila milioni di miliardi di dollaroni spaziali ma viene via con euri 39,95 da Ikea, è d'accordo ed ha già fatto il bagno in una delle paludi meno malsane. E' in prognosi riservata. Sei sempre stata un po' schiva.

    Ma chissà se non è ormai troppo tardi per lasciarti le presenti righe. E tutte queste parole andranno perdute nel tempo,

    come lacrime,

    nella sugna.

    Grattino Voodoo per l'eternit(à).
    Grillo

    P.S. E' vero, guardavo il cartellone di Intimo Chic. Ma c'era una tua foto (quella dove fai il morto nella palude) (ma con su quel cappellino tanto carino)

    RispondiElimina
  12. E infatti le tue parole andrebbero perdute come lacrime nella sugna, se non fosse che controllo la posta e vedo strani commenti inviati in genere tra l’una e le tre del mattino.
    “Deve avere un forno", pensò l'ingenua contadinotta oltrepadana ignara delle cose del Mondo.
    Dato che io già vivo in un luogo acquitrinoso sei carino a prender casa proprio lì, per far sentire la pupazza a suo agio. Tra l’altro in questo modo se non ci pensano i mobili tossici ad allungarti provvederà il clima salubre delle Terre Marce. Non è che non ci tenga a te, ma capisci anche tu che una volta che sarai estinto le quotazioni del tuo papero andranno alle stelle ed io, orgogliosa possessora di ben 2 disegni originali, avrei svoltato per l’eternit(à). Alle esequie porterò il cappellino che trovi carino.
    Grazie dei grattini.

    RispondiElimina
  13. Sì, mia ingenua contadinotta oltrepadana, devo celarti il mio segreto per proteggerti dalle ritorsioni dei nemici della libertà e degli ausiliari del traffico.

    Ho un forno, preferisco farti credere, dove cuocio le pagnotte dell'amore. Le darai a Pincopallo e Piripacchio quando i miasmi delle Terre Marce e della scarpiera in lamellare dietro la porta del bagno avranno avuto ragione di me. Ma tu non piangere. So benissimo che non lo farai (ah, donna forte, ancorché ingenuotta), fosse solo per non scolorare i disegni da rivendere su ibéi.

    Ti ricorderò sempre nelle tue due espressioni, col cappellino e senza il cappellino.

    Un bacio alla Klimt Eastwood,
    Grillo

    RispondiElimina
  14. >fosse solo per non scolorare i disegni da rivendere su ibéi.

    Ma nemmeno. Non so se succeda anche ad altre, ma a me solo sapere che mi può colare il trucco degli occhi trattiene dal commuovermi anche di fronte a catastrofi di portata cosmica.
    Son fatta così. Sensibile.

    RispondiElimina
  15. In realtà dici così ma io lo so che sei la Presidenta benemerita della Lega per la Protezione del Mascara.

    Ogni anno 10 milioni di mascari sbiadiscono e colano giù per inutili dimostrazioni emotive. Tu puoi fare molto: aderisci all'iniziativa "Cuore Deco-ccio" e smettila di piagnucolare. Presto nei migliori negozi di pappagalli (per un clamoroso errore).

    RispondiElimina
  16. (il mascara può colare anche se si ride troppo, non commentare più)

    RispondiElimina
  17. D'accordo, ma lo faccio solo per il mascara (mi limiterò a mandargli un sms: "bella zio,cm va?ci si oggi pome x l'ape cn la cumpa?nn colare troppo ke poi mi sbiadi e skleri.stai tranzollo,tvtb")

    RispondiElimina