Pagine

giovedì 22 aprile 2010

Crow's Village di Lele Corvi




Storyboard di Lele Corvi - www.lelecorvi.com - La bottega grafica di Lele Corvi





24 commenti:

  1. Penso che su Balloons i disegnatori di strisce dovrebbero essere equamente rappresentati.
    50% maschi 50% femmine 50% giovani 50% vecchi.

    RispondiElimina
  2. Metterei ad anni 35 la soglia massima per essere definiti giovani.

    RispondiElimina
  3. Concordo,Cavezzali. Dopo i 35 "giovani" non lo si è più da un pezzo.

    RispondiElimina
  4. Quanti anni hai Cius? Mi sono accorto di non saperlo.

    RispondiElimina
  5. Per rendere balloons equamente rappresentativo, occorrono necessari ritocchi.
    Nello spazio: Chi siamo.
    dovremo modificare alcuni dei nostri nomi, troppo maschili, sostituendoli con "Wanda" "Zalia" etc. ritoccando un pò la foto.
    A questo ci può pensare Scapigliati.
    Per l'equa rappresentanza giovani-vecchi il problema è minore.
    Già molte strisce sembrano fatte da bambini.
    Il lettore è boccalone e non penserà mai che l'autore, anziche essere un ragazzo di belle speranze, sia un over 35 di speranze zero.

    RispondiElimina
  6. Ho ancora poco più di due anni per essere considerato vecchio, Tot.

    RispondiElimina
  7. Io non ho mai pensato a Deco come "una donna" come non ho mai pensato a Cius come "un panda". Per me sono solo "autori". Come non mi sono mai chiesto "Quanti anni avrà Ditò?" dal momento che disegna un orsetto sciarposo(6? 14? 21? 87?).
    L'essere umano dovrebbe essere lasciato tranquillo nelle sue melme, nelle sue proprie contraddizioni, bello brutto alto o grasso chissenefrega. Invece ormai non puoi fare nulla che subito devi mettere la foto, dire chi sei che fai che pensi chi trombi. Di un autore dovrebbe contare solo l'opera e solo dopo, secoli dopo, come studio, come ricerca filologica, andare a ripescarne la vita. Per leggere ancora più approfonditamente la sua Opera.
    Se in questo blog ci siano più donne o uomini non credo sia importante.
    Mentre se ci sono buoni autori o no, quello sì.
    Se molte donne oggi preferiscono gonfiarsi le tette invece che soffrire imparando a disegnare e poi a raccontare qualcosa, è comprensibile. Terribile ma comprensibile. Solo un fatto di Cattivi Maestri e poco Esempio.
    Cius è davvero così Francescano oppure è attratto dalle profondità dell'abisso come ogni uomo bietola?
    Macchissenefrega.
    Tra 100 anni lo sapremo.
    Basta aspettare.

    RispondiElimina
  8. Io ho deciso di smettere. Arrivo alla striscia 1500 e chiudo il reparto strisce.

    RispondiElimina
  9. Bene. Tra 100 anni sapremo se hai fatto bene o male. O tra 20 un blog di appassionati ti farà resuscitare come Lazzaro.

    RispondiElimina
  10. striscia 1500?
    Che ricordi.... feci la striscia 1500 nel lontano 1988.
    Bei tempi.
    allora dissi... dopo 1500 strisce non sei più una rockstar, Cavezzali! Sei un venduto al sistema. Un integrato! Smettila.
    Smisi. E adesso sono a fare la striscia 135.572.

    RispondiElimina
  11. c'è una asta bella bella bella da Christie's a New York. Prints and multiples.
    Da considerare che è in varie aste, la collezione di arte moderna di Chrichton.
    Fra le tante cose mi piacerebbe acchiappare una cosetta di De Kooning.
    Uno dei miei pittori preferiti.
    Così come sono alla fine riuscito ad acchiappare una cosa di Bacon. Il mio sommo pittore preferito.
    Belli un particolari di paolo uccello, elaborato da Wahrol.
    Interessante Lisa Yuskavage che piacerebbe molto a Tot.
    Certo che l'arte è arte.

    RispondiElimina
  12. Facendo le debite proporzioni ho deciso che da oggi valuto un mio disegno a colori 6000 dollari.
    Un prezzo equilibrato.

    RispondiElimina
  13. Mi dimenticavo la cosa più importante.
    Il primo che va a vedere "La città verrà distrutta all'alba" , scriva il suo pensiero.

    RispondiElimina
  14. Se e SOLO SE Cavezzali e Ciantini facessero velatamente riferimento a quello che ho scritto ieri, preciso che avevo fatto appositamente un secondo commento per non essere frainteso, ma so di essere un po' contorto e quindi: quando parlavo di equa rappresentanza non parlavo di disegnatori in senso stretto, non di strisce, ma mi riferivo a quello che avviene appunto QUI, nei commenti (per questo avevo citato i LETTORI)...se poi ci saranno altre disegnatrici è un altro discorso, non mi riferivo a quello...sono infatti d'accordissimo con quello che dice Ciantini sull' "autore" in senso lato...per quanto riguarda l'argomento "estetica", io - rispondendo a Deco - parlavo di una situazione che, sinceramente, c'entra poco con il fatto se a qualcuno piaccia o meno la faccia o qualsiasi altra parte del corpo di una donna: quelli sono gusti personali (e de gustibus...), il resto è una condizione vergognosa che riguarda l'immagine prevalentemente mediatica delle donne stesse. Comunque, non so più che dire, se non mi sono ancora spiegato mi dispiace, se avete voglia guardatevi il documentario "Il corpo delle donne": potrete essere d'accordo o meno, ma è quello l'argomento a cui ("A cui" va bene Cius? :P) mi riferivo.
    Buon weekend! :)

    P.S. Lele, quell'Arlecchino mi ricorda un po' un torero... :) Carina la striscia!

    RispondiElimina
  15. Giulio, quello che ci piace di te, è la sintesi.

    nota: il cappello di arlecchino al quale Lele fa riferimento è quello di una illustrazione del 1719 realizzata da Riccardi da Trevi con punta d'acciaio su pietra morbida, stampata con inchiostri vegetali ed oggi esposta ai Musei Vaticani.

    RispondiElimina
  16. Ciantini, se lei mi conoscesse di più saprebbe che la sua battuta, con me, è ormai abusata...ma la prendo come se fosse nuova, giusto perché viene da lei (che tra l'altro ha evitato di ribattere a quello che ho detto prima e di commentare i prezzi esorbitanti dei disegni di Cavezzali)

    RispondiElimina
  17. Tra parentesi, io al Ciantini do del lei, ma lui da quando è che usa addirittura il plurale maiestatis?? :)

    RispondiElimina
  18. Ciantini sa! Ma, compreso il cappello, la striscia di oggi non mi soddisfa. No no no! Ecco quindi la probabile decisione di chiudere la serie. Forse con 1492 strisce di ritardo! Ora di cambiare pelle. Di mutare. Di lasciare lo stato di pupa. Di riprendere a correre e giocare a basket. Non da oggi, però! ...piove!

    RispondiElimina
  19. Non so di cosa state parlando, ma non comprate Jeff Beck. Al secondo ascolto non si regge più. Emotivo si ma pallosissimo.
    Magari è meglio comprare il nuovo cd dei Tarm. I tre allegri ragazzi morti.
    Tot, a cui gli ossimori sono cari, amerà forse questo gruppo.
    Per comprare i Tarm dovrò cambiare negozio. Il mio, oggi, ha in vetrina un bel cartello: chiusura attività.
    Addio vecchio negozio di cd.

    RispondiElimina
  20. Il negozio di cd di Cavezzali che chiude, Lele che dice che vuole smettere di fare strisce per inseguire un pallone arancione... cosa sta succedendo?

    (Cavez, io dopo 13 secondi Jeff Beck non lo reggevo più)

    RispondiElimina
  21. Ok Cavez! Appena vedrò il rifacimento de "La città verrà distrutta all'alba",commenterò. L'originale di Romero mi era piaciuto. Ma non so nulla della qualità di questo remake.

    RispondiElimina
  22. Gli ossimori mi piacciono,è vero,e il nome del gruppo è molto bello.

    RispondiElimina
  23. Giulio! Lei se ne fotta di quello che dico io, io lo dico ma solo per far sapere a me stesso e agli altri che sono ancora vivo.
    Lei parli pure e straparli anche. Non dia retto a un vecchio come me.

    RispondiElimina