Pagine

domenica 23 maggio 2010

Palmiro di Sauro Ciantini

www.palmiro.it

13 commenti:

  1. Perchè non l'ho capita? Non sono abbastanza intelligente? Bisogna fare strisce alla portata di tutti,anche alla mia!

    RispondiElimina
  2. beh 23 cm sono misura di tutto rispetto

    RispondiElimina
  3. Io l'ho capita solo perché sono bassa di statura T_T sigh
    è una triste condizione, la nostra, Palmiro...son empatica nei tuoi confronti!
    Fidanziamoci! Ah, no, aspetta: son già sposata ;)

    RispondiElimina
  4. 23 cm fu una misura ritenuta giusta da Cavezzali e fu lui a suggerirmela: Palmiro, - disse con quella voce impastata dai peli sulle labbra-, deve essere alto 23 centimetri... e avrai sicuramente successo.
    Eravano seduti al Bar San Marco, in piazza San Marco a Firenze, io avevo preso un caffè alto e lui, un caffè basso e un bicchiere di acqua, mezzo di acqua gassata e mezzo di acqua normale.
    Un delirio.
    (lo dico per chi ama la storia)

    Sulla bassezza: se andate a vedere le misure delle donne più amate invidiate e belle della storia dell'arte e del cinema e dello spettacolo, vedrete che raramente arrivano a 1 e 70 cm.
    Qualcosa significherà.

    RispondiElimina
  5. per Tot: per capire questa striscia devi distenderti a pancia all'aria, e poi guardare il mondo attorno a te.
    In alternativa possedere l'occhio bovino: quello che fa sembrare le cose molto più grandi!

    RispondiElimina
  6. Ah,adesso l'ho capita. La signorina fidanzata,ironizza sulla non grande statura del Palmiro.

    RispondiElimina
  7. "Non grande statura" è una litote? Non ne sono sicuro. Chi ha fatto il classico,qui?

    RispondiElimina
  8. Cius? Mi son sempre chiesto che scuola hai fatto. Leggendo i tuoi fumetti ho sempre pensato che sei andato "a bottega" da Ciccio nella fattoria di Nonna Papera.

    RispondiElimina
  9. 23 centimetri è un classico, i canoni delle perfette proporzioni lo indicano come la misura giusta.
    Leonardo da Vinci ne stava parlando con la Gioconda mentre la dipingeva, e la fece sorridere.
    Ma stamattina sono molto svagato.
    E' iniziata la stagione marina. Il fritto di seppie di maggio è delizioso.
    Mi sono comprato il deluxe di Exile, mi sono letto l'analisi interessantissima di Mereghetti su Cannes, e poi Juxtapoz, Classic Rock, e ho deciso di cambiare nome.
    D'ora i poi sarò: Cavez the ultimate comics survivor.

    RispondiElimina
  10. Questa cosa della bassa statura delle dive & Dee (1 lett. e poet. Divinità pagana femminile; dea)
    mi consola alquanto!
    Mi sento improvvisamente carina :D
    ma è solo una mia sensazione, che non ha riscontri nella realtà, purtroppo XD

    Approvo in toto (Stiv direbbe Toto, Tot direbbe Tot-o)
    Cavez The Ultimate Comics Survivor. :)

    Ma a questo punto pongo una domanda: non si potrebbe realizzare una fumettobiografia con tutti questi succosi aneddoti di vita vissuta?
    Un diarione con foto ritagliate, ricordi disegnati, vignette, foto-romanzi, scritti, pezzi di canzoni...una tuttologia dei nostri amabili e amati disegnatori?

    Personalmente, la leggerei volentieri :D

    RispondiElimina
  11. il 23 a tombola significa "lo sciocco" dalle mie parti invece quando uno estrae dal sacchetto il suddetto numero esclama: buco di culo. e la gente ridendo segna il 23 nella cartella... boh!

    RispondiElimina
  12. @Giuseppe: la stessa gag è presente nel film grande grosso e verdone al momento di ritirare le chiavi dell'0albergo.
    @Tutti: Voglio Patti come agente. Lei sa cosa piace ai lettori. Potrebbe portarci lontano.

    RispondiElimina
  13. Lele tu sì che sei un umorista XD
    Io al massimo posso fare l'agente atmosferico: mi metto fuori dal balcone e faccio la danza del sole o della pioggia :)

    RispondiElimina